No Comments

6, non ha fornito quasi alcuna indicazione che il Collegio avesse preso atto delle critiche.

6, non ha fornito quasi alcuna indicazione che il Collegio avesse preso atto delle critiche.

(Timothy! Dove diavolo sei andato?)

Linguaggio specifico delle commissioni mediche statali: spesso incoerente o controproducente

Quelli che seguono sono un paio di esempi arbitrari di come le commissioni mediche statali tentano di affrontare il “CAM”.

Illinois

Tra i crediti nel rapporto del 2002 dell’FSMB c’era questo:

“Illinois Department of Professional Regulation Medical Disciplinary Board (MDB). Dichiarazione sulla politica del consiglio di amministrazione: terapie complementari e alternative. novembre 1999″

Non riesco a trovarlo da nessuna parte online (forse è obsoleto), ma grazie a Tim Gorski ne ho una copia cartacea. È un labirinto di contraddizioni interne ed esterne. Da una parte:

Le varie offerte di medicina alternativa rientrano in una delle tre categorie:

1) Invalidato: interventi che sono “invalidati” perché non hanno né una base provata né scientifica per alcun beneficio per la salute. I rimedi invalidati includono qualsiasi terapia che

a) non è plausibile per motivi a priori (perché i suoi meccanismi impliciti o effetti presunti contraddicono leggi, principi o scoperte empiriche ben stabilite in fisica, chimica o biologia):

b) manca di una propria motivazione sufficientemente accettabile;

c) dispone di prove a sostegno insufficienti derivate da una ricerca sugli esiti adeguatamente controllata; e

d) ha fallito in studi ben controllati condotti da valutazioni imparziali [sic] e non è stato in grado di escludere spiegazioni concorrenti sul perché potrebbe sembrare che funzioni in contesti non controllati.

2) Non convalidato (plausibile ma non ancora provato): [ecc.]

3) Validato (dimostrato di essere efficace).

………………..

Il MDB ritiene che medici e fornitori non dovrebbero mai accedere a trattamenti invalidati. Il Consiglio ritiene che i medici possano incorporare trattamenti non convalidati se i risultati della ricerca sono molto promettenti, se il medico ritiene che un particolare paziente possa trarne beneficio, se il rischio di danno è molto basso e se il medico aderisce alle convenzioni che governano la dottrina del consenso informato per il trattamento non convalidato.

Oh. Potrebbe quasi essere stato scritto da un blogger SBM: l’omeopatia è chiaramente fuori, così come la chiropratica, la naturopatia, l’Ayurveda, la MTC e quasi tutto il resto delle “CAM” diverse dalle molecole biologicamente attive, giusto? Preparati a sbatterti in fronte, quindi, mentre leggi la frase che precede immediatamente quella prima citata sopra:

Lo Stato dell’Illinois riconosce la medicina allopatica e chiropratica come i sistemi sanitari dominanti dal punto di vista medico.

Oppure una frase del paragrafo che precede immediatamente l’ultima citata:

Non saranno tollerate critiche abusive nei confronti di professionisti alternativi e minacce alla loro autorizzazione solo perché offrono ai loro pazienti una pratica integrata.

Infine, considera che in Illinois, i chiropratici sono soggetti allo stesso atto di pratica che regola i medici e, in quanto tali, possono (e lo fanno) presentarsi al pubblico come “medici di cure primarie”.

Tali contraddizioni non sono davvero sorprendenti, provenienti da una legge sulla pratica medica che emette questo terribile avvertimento:

Qualora si riscontri che un medico, su denuncia e indagine del Dipartimento, e dopo aver sentito, ha eseguito una procedura di aborto in modo volontario e sfrenato su una donna che non era incinta al momento in cui è stata eseguita tale procedura di aborto, il Dipartimento dovrà revocare automaticamente la licenza di tale medico per esercitare la professione medica in Illinois.

Ti stai ancora riprendendo? Andiamo accanto a…

Missouri

Molti lettori di SBM sono consapevoli della “terapia di chelazione”, una delle principali frodi sanitarie negli Stati Uniti da circa 40 anni. Sebbene i suoi sostenitori inizialmente pensassero che l’EDTA disodico potesse eliminare il calcio dalle placche aterosclerotiche, per più di 20 anni hanno affermato che funziona trattando la “tossicità da metalli pesanti”. Questo è servito abbastanza bene: fornisce un razionale per l’utilizzo del trattamento non solo per uno o due, ma per circa 70 “indicazioni” e approssima l’indicazione formale per un altro sale EDTA, calcio-disodio EDTA. Tale gioco di prestigio ha ingannato più di una commissione medica statale, principalmente a causa degli sforzi di un PPO discusso 2 settimane fa, l’American College for Advancement in Medicine (ACAM). Ecco un esempio (riferimenti numerati nell’originale):

Nel 2001 il Missouri Code of State Regulations ha aggiunto un linguaggio sulla chelazione. Inizia con una dichiarazione promettente:

…il consiglio dichiara che l’uso della chelazione dell’acido etilinediamminotetracetico (EDTA) su un paziente non ha alcun valore medico o osteopatico ad eccezione di quegli usi approvati dalla Food and Drug Administration (FDA) per regolamento federale.[120]

Nonostante questo preambolo:

Il consiglio non richiederà azioni disciplinari contro un licenziatario basate esclusivamente su un uso non approvato della chelazione con EDTA se il licenziatario fa firmare al paziente il modulo di consenso informato per la terapia chelante con EDTA, incluso nel presente documento…[120]

Il modulo di consenso avverte che la chelazione “può essere dannosa” e “è stato autorevolmente dimostrato di essere inefficace nel trattamento delle malattie vascolari” (enfasi nell’originale) ma include anche queste affermazioni:

Il mio medico mi ha spiegato e capisco perfettamente:

(a) che l’uso dell’acido etilendiamminotetracetico [sic] (EDTA) è stato approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) federale solo per l’uso della rimozione di metalli pesanti dal corpo;

(b) che la FDA non ha approvato il farmaco EDTA per il trattamento di malattie o condizioni diverse dall’avvelenamento da metalli pesanti;

…(i) che il Missouri State Board of Registration for the Healing Arts raccomanda vivamente che i cittadini del Missouri non si sottopongano a terapia di chelazione con EDTA per il trattamento di qualsiasi malattia umana, malattia o condizione fisica diversa dall’avvelenamento da metalli pesanti;

Nonostante aver letto e compreso quanto sopra, scelgo di sottopormi al trattamento con la terapia chelante con EDTA secondo il protocollo raccomandato dall’American College for the Advancement in Medicine (ACAM) [sic].[120]

Sembra strano che il Consiglio del Missouri avverta i cittadini di evitare la chelazione, che ritiene pericolosa e inefficace, ma si rifiuta di disciplinare i licenziatari che la spingono. Il Board sembra non essere a conoscenza, quando ha scritto quella regola, che le dichiarazioni sui metalli pesanti minano le dichiarazioni che esortano i cittadini a rifiutare la chelazione, e sono anche abbastanza false: il sale EDTA raccomandato dal protocollo ACAM,[33] Na2EDTA, è non approvato dalla FDA per la rimozione dei metalli pesanti. Anche il CaEDTA, un po’ più sicuro, è approvato per la rimozione di solo 1 metallo pesante (piombo), non metalli pesanti. Poiché non c’è nulla nella regola del Missouri che richieda una corretta diagnosi di “avvelenamento da metalli pesanti”, i chelazionisti possono conformarsi alla lettera della legge facendo esattamente ciò che hanno fatto per anni: prescrivere la chelazione apparentemente per rimuovere i metalli pesanti, non importa cosa può o non può affliggere il paziente.

Diverse altre commissioni mediche statali o atti di pratica hanno un linguaggio che affronta usi non approvati di EDTA o chelazione.[121] Variano nella misura in cui tollerano o prodottioriginale.com condannano la pratica, ma la maggior parte sembra essere stata fuorviata dalla mossa dei metalli pesanti. Il Tennessee è una lodevole eccezione.[122,123]

Di recente, la FDA ha svolto il lavoro che per anni era sfuggito alle commissioni mediche statali: ha ritirato la sua approvazione per Na2EDTA, rendendo così, a fini pratici, illegale per un medico prescriverlo o somministrarlo a un paziente. Tuttavia, il problema non si risolverà facilmente: il perossido di idrogeno non è mai stato approvato per l’amministrazione interna, ed è quindi altrettanto illegale se somministrato per via endovenosa. Come abbiamo visto, ciò non ha impedito ai nostri colleghi ciarlatani di fare esattamente questo.

Stati di “Libertà sanitaria”

Diversi stati ora hanno un linguaggio nei loro atti di pratica medica o regolamenti del consiglio che imitano il linguaggio FSMB citato sopra. Ecco come li presenta un sito Web proponente:

Stati di libertà sanitaria

 

I seguenti stati hanno leggi che proteggono l’accesso dei pazienti a terapie alternative da parte di medici autorizzati:

Alaska | Colorado | Georgia | Indiana | Massachusetts | New YorkCarolina del Nord | Ohio | Oklahoma | Oregon | Texas | Washington

Quanto segue ha una legge che protegge l’accesso dei pazienti a terapie alternative da parte di tutti gli operatori sanitari autorizzati:

Florida

  

I seguenti stati hanno regolamenti che proteggono l’accesso dei pazienti a terapie alternative da parte di medici autorizzati:

Louisiana |Nevada | Texas

  

I seguenti stati hanno emanato leggi che proteggono l’accesso dei pazienti alla chelazione con EDTA, in particolare, da medici autorizzati:

Oklahoma | Dakota del Sud | Louisiana

  

I seguenti stati autorizzano la pratica omeopatica per i medici già autorizzati in qualsiasi stato:

Arizona| Connecticut | Nevada.

Si noti che l’indice non include variazioni come quelle dell’Illinois e del Missouri. È anche un po’ datato; è sul sito web di un PPO, la Fondazione per l’avanzamento della medicina innovativa (FAIM), che sembra esaurirsi, forse a causa della morte, nel 2003, del suo fondatore ed ex presidente, il guru della dieta Robert Atkins. Una risorsa più generale per le leggi relative alla vendita di affermazioni mediche non plausibili è la “Guida alla ricerca CAM” della Georgetown Law Library.

Arizona: l’isola del piacere per i ciarlatani

Per circa 25 anni, l’Arizona Board of Homeopathic Medical Examiners ha offerto un rifugio sicuro per pericolosi disadattati con gradi MD o DO. È completamente distinto dall’Arizona Medical Board e dall’Arizona Osteopathic Board e ha persino consentito a un paio di dottori di esercitare la loro licenza a cui erano state revocate le licenze da quelle commissioni. Nonostante la parola “omeopatia”, una licenza concessa dall’Homeopathy Board conferisce al suo titolare un ampio ambito di pratica, tra cui medicina generale, chirurgia minore e… ciarlataneria: gli Statuti e le Regole pertinenti consentono esplicitamente o implicitamente ai licenziatari di praticare “l’omeopatia classica “, “omeopatia complessa”, “terapia chelante”, “terapia ossidativa”, “elettrodiagnosi”, “EAV”, “diagnosi e trattamento di disturbi secondo i principi sistematici della medicina tradizionale asiatica”, “terapia ortomolecolare”, ” integrazione neuromuscolare”, “analisi del bio-terreno”, “analisi del sangue dal vivo”, “terapia magnetica” e altro ancora. Il 1° ottobre 2008, per (ehm) riflettere più accuratamente questo ampio ambito, il nome del consiglio è stato ufficialmente cambiato in “Comitato degli esaminatori di medicina omeopatica e integrata”.

Non sorprende che canaglie di altri stati abbiano trovato rifugio in Arizona. Nel 2005, il giornalista investigativo Robbie Sherwood della Repubblica dell’Arizona ha documentato esempi del consiglio di omeopatia che concedeva licenze a criminali e altri medici che erano stati puniti altrove per pratiche scadenti e frode, tra le altre accuse. Le interviste con i membri del consiglio hanno chiarito che non è stato un caso:

I membri del consiglio omeopatico affermano di aver accolto in Arizona medici che sono stati disciplinati ingiustamente in altri stati e le cui capacità potrebbero avvantaggiare i pazienti che cercano rimedi alternativi. Fino a poco tempo fa, una pagina Web gestita dall’Arizona Homeopathic and Integrative Medical Association invitava i medici omeopatici a venire in Arizona se fossero stati “oppressi” da commissioni mediche altrove.

“Ci sono medici che sono stati illuminati per quanto riguarda le cure naturali che esistono da centinaia di anni, e le loro commissioni mediche li accusano”, ha affermato il dott. Bruce Shelton, ex presidente del consiglio omeopatico dell’Arizona. “Quei medici sono i benvenuti qui per praticare la medicina integrativa”.

Vieni a Rangoon!

Le “cure naturali” non erano le uniche ragioni per cui tali emigrati erano stati “oppressi da commissioni mediche altrove”:

I medici in difficoltà autorizzati dal consiglio includono il Dr. Charles Crosby, che ha ottenuto la sua licenza omeopatica in Arizona nel maggio 2004 nonostante avesse rivelato al consiglio che gli era stato ordinato di ricevere consulenza per una “percepita perdita di inibizione sociale” nel suo stato natale della Florida. In seguito si seppe che Crosby era stato accusato di accarezzare i pazienti e di avere un feticismo del seno. Un rapporto sul caso in Florida afferma che Crosby aveva sviluppato “una tecnica speciale per manipolare il seno delle donne per trattare il dolore in altre aree del loro corpo”.

La sospensione della licenza di Crosby in Florida ha innescato un’inchiesta davanti al consiglio omeopatico dell’Arizona a luglio. Durante l’incontro, Schwengel, il presidente del consiglio, ha affermato di non aver trovato alcun esempio specifico che dimostrasse che Crosby aveva agito in modo non professionale, secondo i verbali della riunione.

Le storie dell’Arizona Republic non sono più disponibili online senza pagare una quota, ma all’epoca erano state pubblicate da diversi siti di scettici, tra cui quello del fisioterapista Paul Lee (qui e qui).

A un certo punto ti sei dovuto chiedere come l’Arizona Homeopathy Board avesse risposto alla cattiva stampa, cosa che certamente deve aver notato. Il suo sito web ha i verbali delle sue riunioni e dovevano esserci solo i riferimenti agli articoli della Repubblica. Ebbene, la riunione del 15 novembre 2005, che sarebbe stata la prima a seguire la pubblicazione degli articoli, è stata annullata per motivi non dichiarati. La successiva riunione, il 6 dicembre, non ha fornito quasi alcuna indicazione che il Consiglio avesse notato le critiche. Il 10 gennaio 2006, tuttavia, il Consiglio ha offerto questa discussione:

Discussione generale: funzione e dovere dei Consiglieri

Il Dr. Schwengel ha iniziato la discussione osservando che il dovere di un membro del consiglio era quello di proteggere il pubblico e autorizzare i medici qualificati. Ha spiegato che il medico omeopatico rappresentava una notevole espansione delle competenze mediche e offriva al pubblico una maggiore scelta di cure mediche. La formazione speciale necessaria per qualificarsi per la licenza omeopatica non si limita alla medicina omeopatica, ma comprende anche altre modalità definite nell’ARS §32-2901(22), tra cui l’agopuntura, la nutrizione, la terapia chelante, la medicina ortomolecolare e la manipolazione osteopatica.

Ha indicato che il consiglio fornisce il ricorso al pubblico per presentare denunce e l’Ufficio del procuratore generale funge da avvocato legale al consiglio. La riservatezza delle cartelle cliniche viene mantenuta durante le deliberazioni e le sessioni esecutive offrono al consiglio l’opportunità di ricevere consulenza legale dal suo avvocato legale, il loro assistente procuratore generale. Ha spiegato che durante una sessione esecutiva il consiglio non può deliberare su questioni o formulare commenti personali, ma può solo chiedere consulenza legale.

In chiusura, il Dr. Schwengel ha osservato che il processo di revisione del tramonto è un’opportunità per apportare modifiche e affrontare procedure che lo renderebbero più rispondente alle esigenze dei cittadini dell’Arizona. Dal momento che un audit del consiglio non è stato eseguito in vent’anni, il consiglio accoglie con favore il processo di audit e ritiene che i processi esaminati dai revisori trarranno beneficio dall’esame e, in definitiva, i cittadini dell’Arizona saranno serviti meglio.

A questo punto, il Dr. Schwengel ha aperto la parola ai membri del consiglio.

Il sig. Farris ha commentato che a suo parere il pubblico non comprende appieno quale sia il ruolo del consiglio di amministrazione. In qualità di membro pubblico, il suo compito è proteggere il pubblico applicando le leggi che regolano il consiglio ai processi di autorizzazione e revisione dei reclami.